Siena: il centro storico è stato dichiarato dall'UNESCO patrimonio mondiale dell'umanità nel 1995. Stando alla leggenda, Siena fu fondata da Senio e Ascanio, figli di Remo, nipoti di Romolo da cui deriva il nome di Roma. Siena ha esercitato in epoca medievale una grande influenza nell'arte e nell'architettura ed è divenuta un modello in ambito urbanistico sia in Italia che altrove in Europa. Il centro è racchiuso dalle mura antiche costruite tra il XIV ed il XVI secolo che  seguono il contorno delle tre colline su cui è stata edificata. Siena conserva un centro storico intatto; lo stile Gotico italiano trova la sua massima espressione nel Duomo in cui si possono ammirare alcuni dei più pregevoli capolavori dell'arte italiana.

La Pinacoteca Nazionale di Siena dedica un'intera sezione alle opere della Scuola Senese di pittura, attiva dal XIII al XV secolo, i cui più alti rappresentanti sono Duccio di Boninsegna, Simone Martini, Pietro e Ambrogio Lorenzetti, Domenico e Taddeo di Bartolo, Sassetta, Matteo di Giovanni.

Il Palio

Si corre il 2 luglio ed il 16 agosto, conosciuto per essere una corsa di cavalli è in realtà il perpetuarsi di una tradizione che coinvolge profondamente la vita della città. Divisa in 17 Contrade o rioni  che ne rappresentano l'anima più autentica, le Contrade sono piccole "repubbliche" che custodiscono la tradizione del Palio e della cultura senesi, contribuendo con la propria esistenza ed il proprio impegno a mantenerle vive e pressoché intatte. La corsa è il momento culminante di un'attesa che dura tutto l'anno e che rappresenta per i senesi un'emozione quasi impossibile da descrivere.

Alcuni dei tesori di Siena:

Piazza del Campo, Torre del Mangia, Forte di Santa Barbara o Fortezza Medicea, Palazzo Pubblico, Santa Maria della Scala, Libreria Piccolomini,  Pinacoteca Nazionale, Basilica di San Domenico, Basilica di San Clemente in Santa Maria dei Servi , Basilica di San Francesco, Collegiata di Provenzano, Santuario di Santa Caterina.